Home

25esima EDIZIONE DEL

FANTAHAPPYCUMPA

Si  comincia alla grande con:

Le “Gufelle” del Pres

TANTA  ROBA !

…ci eravamo lasciati così…con Mitch che conquistava il triplete per il secondo anno consecutivo…

e…niente…anche quest’anno stessa musica, con Mitch che si porta a casa l’ottavo trofeo di fila…da paura!!!

 MITCH CHAMPION
 
3 turno del 17/09/2017:
3° CAMPIONATO – 17/09/2017
Bob 2.0 Hellas FanU.S.A. 3-0
Grinta F.C. Furious M&M F.C. 1-2
Jogurtan F.C. Ciao, Grazie! 2-6
Canta Napoli Atletic Bulgnais 4-4
Aston Sax Real Dumaròn 0-0
SUPERCOPPA – 18/09/2016
Ciao, Grazie! Aston Sax 6-0
prossimo turno del 19-20/09/2017:
4° CAMPIONATO – 20/09/2017
Hellas FanU.S.A. Grinta F.C. 0-0
Ciao, Grazie! Bob 2.0 0-0
Furious M&M F.C. Canta Napoli 0-0
Real Dumaròn Jogurtan F.C. 0-0
Atletic Bulgnais Aston Sax 0-0

probabili formazioni Gazza: Probabili formazioni

probabili formazioni Sky: Probabili formazioni

probabili formazioni CdS: Probabili formazioni

  classifica:
  Punti
CIAO, GRAZIE! 9
FURIOUS M&M F.C. 9
GRINTA F.C. 6
JOGURTAN F.C. 5
REAL DUMARON 4
ASTON SAX 4
BOB 2.0 3
CANTA NAPOLI 1
ATLETIC BULGNAIS 1
HELLAS FANU.S.A. 0

 E quest’anno si parte con:

Le “Gufelle” del Pres

 

ASTON SAX

Formazione tipo: Strakosha; Silvestre, Kolarov, Acerbi; Gomez, Ljajic, Joao Pedro, Lulic, Gil Dias; Andrè Silva, Defrel

Reduce da una stagione positiva che l’ha portato a conquistare un meritato secondo posto e a sfiorare la vittoria in Coppa Italia, Secco si presenta ai nastri di partenza con la sua solita calma e pacatezza che lo contraddistinguono, non riuscendo però a dar continuità, in fase di mercato, ad un pacchetto di conferme ottimo. La sua rosa lascia sempre qualche dubbio, ahimè spesso confermato da annate non troppo positive. Difesa 6,5: avrebbe potuto essere almeno un punto in più, se la sua magnanimità non avesse preso il sopravvento nell’asta a Rodriguez, suo obiettivo di mercato dichiarato, lasciato inspiegabilmente ad Umbero per un solo misero credito di rialzo. Kolarov e Florenzi (quando giocherà) guidano un reparto sulla carta buono, con gente di mestiere dalla sufficienza garantita, da Acerbi a Silvestre, chiudendo con i sempreverdi Rossettini e Moretti. Strakosha in porta appare in rampa di lancio. Centrocampo 8: Gomez, Ljajic e Joao Pedro portano in dote gol e assist, rendendolo il reparto più temuto della rosa. Completano il quadro due mestieranti come Lulic e Castro a fare da chioccia alla possibile sorpresa Gil Dias. Non posso che fargli i complimenti per come si è mosso sul mercato. Attacco 5,5: non si può dire altrimenti del reparto di attacco. Al momento non mi sento di dargli obiettivamente di più; Milik e Andrè Silva gli assicurano quel mezzo punto in più per non farlo precipitare nella piena insufficienza, ma il work in progress di questo reparto sembra molto agli albori. Defrel sembra chiuso dai nuovi acquisti e il probabile infortunio a Lapadula mettono in seri guai l’intero reparto. Al momento il solo Galabinov sembra sicuro del posto e, pur con la mano sul cuore, sembra oggettivamente poco.

 

ATLETIC BULGNAIS

Formazione tipo: Consigli; Caldara, Ceccherini, Juan Jesus; Politano, Chiesa, Benassi, Baselli; Dzeko, Zapata, Iemmello

L’Annus Horribilis sembra non darmi pace, ma stavolta la colpa è solo del sottoscritto. La mia ormai conclamata incapacità di fare l’asta va a cozzare pesantemente con la mia presunzione di conoscerne a pacchi di calcio. Non pago di ciò, nutro la mia insaziabile perversione per il fantacalcio, partecipando non a due ma bensì a tre leghe contemporaneamente; scontato raccontarvi come siano andate le altre, anche se in quella del “parcheggio” la squadra è più che decente vista la pochezza degli avversari. Si preannuncia un altro anno buio. Difesa 4,5: i 10 crediti spesi parlano da soli; Consigli portiere titolare è come viaggiare di notte a fari spenti, ma visto che l’alternativa è Mirante che sembra Alan Crocker quando aveva paura del pallone, c’è da votarsi a santi in paradiso. Aver puntato poi sui più scarsi delle squadra più scarse, ha giovato alle casse societarie, ma dubito che gioverà alla stagione. Caldara rimane l’unico punto fermo di un reparto disastroso, nella speranza che, almeno lui, possa ricalcare la favolosa annata scorsa. Centrocampo 6,5: giovani alla riscossa, con tre under 21 (Baselli, Benassi e Chiesa) e due ragazzi di belle speranze (Diawara e Duncan). Si certo, tutto molto bello, ma in un gioco dove i bonus sono fondamentali, qua se ne cercano con il lumicino. Tutto ruota sulla stagione di Chiesa e Politano, a cui si chiede, più del salto di qualità, il vero e proprio miracolo; da tutti gli altri ci si aspetta quello che già sanno fare, ovvero la sufficienza piena in pagella. Oggettivamente un po’ pochino. Attacco 7: con in rosa il capocannoniere della stagione passata, sarebbe stato pronosticabile un voto più alto ma visto che l’intero reparto, al momento, sembra quasi tutto sulle spalle del gigante bosniaco, più di 7 non si può dare. Zapata e Iemmello completano il tridente titolare: il primo chiamato alla stagione di consacrazione, sull’altro poggia tutta la città di Benevento, nella speranza che possa ricalcare i 53 gol fatti nelle due stagioni di Foggia. Borini e Maxi acquistati più per campanilismo che per altro.

 

BOB 2.0

Formazione tipo: Sportiello; Manolas, Skriniar, Rodriguez; Milinkovic-Savic, Birsa, Ilicic, D’Alessandro; Belotti, Pavoletti, Destro

Sembra comparire finalmente la luce in fondo al tunnel dopo due annate che l’hanno visto piombare nell’inferno della retrocessione. Questo deve obbligatoriamente essere l’anno della rinascita, per cercare di sfruttare l’ultimo anno di conferma a prezzo stracciato di Belotti. L’organico fa ben sperare, probabilmente ci sono compagini meglio attrezzate della sua, ma non vedo perché anche lui non debba credere in una posizione di primo livello. Difesa 7,5: niente 8 perché i ricambi non sono neanche lontanamente all’altezza del terzetto titolare; ma se non dovessero esserci intoppi di alcun tipo, Manolas, Skriniar e Rodriguez rappresentano la miglior combo per ruolo. Da ritoccare la panchina con i soli Ferrari e Hysaj che danno un minimo di sicurezza. Centrocampo 7: senza svenarsi più di tanto, è riuscito a muoversi in modo eccellente mettendo a segno parecchi colpi interessanti. Per il ruolo in questione, è fondamentale trovare giocatori che ti possano portare qualche bonus quando l’attacco non gira: con Birsa, Milinkovic e Ilicic dovrebbe aver risolto il problema. Di contorno, tre interessantissime pedine come D’Alessandro, Lazzari e Linetty. Beh complimenti. Attacco 6,5: voto un po’ bassino solo perché avrebbe potuto sfruttare meglio l’aver Belotti a prezzo di saldo, magari affiancandogli un top player. La sua tattica è stata diversa, ma non per questo deve essere per forza sbagliata; Pavoletti, pagato a carissimo prezzo, e Destro rappresentano le sue scommesse di quest’anno. Ad entrambi, fin qui troppo altalenanti, si richiede la doppia cifra abbondante.

 

CANTA NAPOLI

Formazione tipo: Perin; Astori, Masiello, Peluso; Khedira, Candreva, Jorginho, Vecino; Dybala, Insigne, Mandzukic

Al nostro locandiere preferito un BRAVO ci sta sempre, e allora: BRAVI CRI! Anche per lui, come per Umbero, occorre sfruttare a pieno l’ultimo anno di Dybala a prezzo accettabile, ma questo per Cri non è mai stato un problema: già il fatto che si presenti all’asta, diventa di diritto il favorito numero uno per il titolo. E anche quest’anno non fa eccezione. Difesa 5: leggermente meglio della mia solo per la presenza di 3-4 titolare certi, ma il valore medio è tristemente basso. Non mancano mai all’appello alcuni suoi pretoriani, come Astori, Masiello, Peluso e Dainelli a cui ha fatto sottoscrivere contratti a tempo indeterminato. Ma gli anni passano e per alcuni di questi l’età pensionistica è all’orizzonte. Ottimo Van del Wiel, più per la sua figa in realtà. Centrocampo 6,5: Candreva guida un centrocampo di “tuttocampisti”, gente che fa della legna, ideali in una squadra di club per mantenere l’equilibrio, poco utili in chiave fantacalcio per la mancanza di bonus. La cosa positiva però è la panchina lunga e la possibilità di ricambio senza che ne venga intaccato il rendimento generale. Attacco 8: potenzialmente il suo tridente titolare ha in canna 50 gol e per questo probabilmente meriterebbe mezzo voto in più. Voto che non mi sento di dargli perché Dybala dovrà spesso riposare visti gli impegni di Champions e le riserve (Cerci e Farias) fanno calare di gran lunga tutto il potenziale di reparto. Certo che l’attacco di piccoletti, Dybala-Insigne, dev’essere proprio uno spettacolo da vedere.

 

CIAO, GRAZIE!

Formazione tipo: Viviano; Miranda, Conti, Nuytinck; Mertens, Zielinski, Perisic, Hamsik, Barella; Kalinic, Callejon

Direi che i commenti sono abbastanza superflui quando si parla di Mitch, gli 8 titoli conquistati negli ultimi tre anni parlano da soli. Ovvio che va di diritto inserito tra i favoriti anche se quest’anno, per quanto riguarda l’attacco, parte con meno bocche da fuoco dell’anno scorso. A dimostrazione che lavorare fa male, il suo filotto di vittorie comincia esattamente con il suo licenziamento. Difesa 6,5: Miranda chiamato alla stagione del riscatto e Conti a quella della consacrazione, sono il faro di una difesa fatta di nomi esotici e poco conosciuti, chiamati a cimentarsi per la prima volta con un campionato di primo livello e per questo sono incerte le loro prestazioni. Centrocampo 9: sfruttando la conferma di Mertens, è riuscito a mettersi in tasca tre dei cinque centrocampisti più forti del campionato. Perisic, Hamsik, Mertens già di per se fanno spavento, se ci aggiungiamo anche Zielinski e il talentino Barella, diventa un reparto illegale. Ha scelto di puntare su una tattica diversa dall’anno scorso, vediamo se anche questa avrà i propri frutti. Attacco 6,5: con un centrocampo del genere, era chiaro che si dovesse sacrificare un po’ l’attacco. Ma pur nelle difficoltà di un budget risicato, Mitch riesce sempre ad uscirne alla grande portandosi a casa Callejon (stakanovista dell’assist e del buon voto) da affiancare al confermato Kalinic. Panchina un po’ corta, con i soli Verde e Caprari che possono far rifiatare i titolari, abbassandone però di gran lunga l’efficienza offensiva. Il suo vero attacco sarà il centrocampo!

 

 

FURIOUS M&M F.C.

Formazione tipo: Alisson; Ghoulam, Alex Sandro, Albiol; Pjanic, Nainggolan, Jankto, Bernardeschi; Borriello, Petagna, Thereau

Sembra ormai aver perso lo smalto dei giorni migliori quando Il Seguace di Franco faceva tremare il mondo; il cambio societario non è riuscito a dare continuità di risultati e gli ultimi anni hanno portato solamente delusioni. Una condotta di mercato sconfusionata, con tattica di rilancio compulsivo, non è mai la migliore scelta e la composizione della rosa ne ha risentito. Ma non tutto è da buttare. Difesa 6,5: lo scambio estivo che gli ha portato Alex Sandro è stato di certo il suo miglior acquisto. Il duo del Napoli, Albiol-Ghoulam, completano il terzetto titolare; per completare il reparto ha usato la tattica “alzo tutti incondizionatamente” e a sto giro non gli è andata neppure male, pur non rendendosene conto. Nel complesso la sufficienza è meritata. Centrocampo 7,5: qua invece è stato bravo, Pjanic e Nainggolan sono due pezzi da novanta anche se il bosniaco, da quando è alla Juve, ha calato parecchio i suoi bonus, mentre il belga difficilmente riuscirà a ricalcare la immaginifica stagione passata, complice un cambio modulo che lo penalizza in questo senso. Jankto è un giovane in rampa di lancio, Bernardeschi-Cuadrado il loro lo porteranno alla causa. Attacco 4: severo ma giusto. Il sacrificio economico per Cutrone non credo che possa portare i suoi frutti; il giovane attaccante esploso in estate è destinato a lasciar posto a Kalinic e Silva. Petagna, ad oggi, è uno degli attaccanti meno prolifici della serie A, Nani sarebbe stato ottimo in un fantacalcio di 6/7 anni fa. A Borriello e Thereau verrà chiesto di tenere su la baracca, ma non credo basti. Poi oh, magari mi dovrò ricredere.

 

GRINTA F.C.

Formazione tipo: Handanovic; Basta, Pisacane, N’Koulou; Kessié, De Paul, Iago, Parolo; Icardi, Quagliarella, Sau

Ziro si piazza in quel limbo di formazioni del “vorrei ma non posso”, un squadra che avrebbe potuto aver un grande potenziale ma che potrebbe rimanere inespresso. La tattica “non conosco nessuno, alzo tutti”, come il compare di cui sopra, è un’arma a doppio taglio e spesso ci si fa male. La squadra è comunque scomoda, soprattutto per la presenza del miglior attaccante in circolazione, ma non penso che possa ottenere grandi risultati. Difesa 6,5: voto sopra la sufficienza grazie al miracoloso acquisto dei due più forti portieri in Italia, Handanovic e Buffon; non so quanto gli possa giovare tutto ciò, visto che se ne può schierare uno alla volta ahimè. Sarebbe stato più opportuno spendere questi soldi per rafforzare il reparto arretrato che appare un po’ deboluccio. Centrocampo 6,5: lo sforzo economico fatto per Iago Falque avrà sicuramente un ritorno in fatto di gol e assist, i compagni di reparto però difficilmente porteranno benefici alla causa. Kessié e Parolo sono gli unici due che vedono la porta, ma sperare in più di 4-5 gol ciascuno sembra al momento fantascienza, a meno che al Milan non diano milleeeee rigori. Poli e De Paul le alternative più credibili. Attacco 7,5: la presenza di Icardi vale di per sé il prezzo del biglietto; probabilmente il miglior attaccante della Serie A, sembra destinato alla stagione della consacrazione ed aspettarsi da lui una trentina di gol non è utopia. Quagliarella e Sau rappresentano due spalle credibili, Paloschi e Palacio due giocatori che, per diversi motivi, potrebbero trovare quella motivazione per far bene.

 

HELLAS FANU.S.A.

Formazione tipo: Donnarumma; Bonucci, Chiellini, Kolulibaly; Suso, Di Francesco, Ramirez, Ciciretti; Schick, Berardi, Niang

Arriva all’appuntamento già parecchio frastornato, si vede che c’è qualcosa che lo preoccupa ed in effetti il compito che lo aspetta i prossimi due giorni è dei più ardui: fiera e 23 bottiglie di vino da finire. Non si fa comunque prendere dallo sconforto, attacca da vero campione il pisciolino da 3 litri ma il fisico a sto giro non lo supporta. Arrivato alla soglia dei 2,5 litri si spegne come un pugile suonato, rimane per ore in stato catatonico, rinvenendo con fare autistico solo per rilanciare su proprie offerte, neanche conscio dei crediti in possesso. Quello che ne viene fuori non ha niente di positivo. Difesa 6,5: riesce a ricomporre la BBC a cui aggiunge una sicurezza del buon voto come Koulibaly. Peres e Masina sulle corsie esterne danno tanta corsa ma per il ruolo che ricoprono spesso incorrono in insufficienze. Bonus neanche l’ombra. Centrocampo 7: sicuramente il reparto migliore dei tre, con Suso a trainare una banda di giocatori dai piedi buoni, più propensi all’assist che al gol, ma tutti posizionati nella zona d’attacco con la possibilità quindi di qualche golletto ogni tanto. Bertolacci, Borja, De Rossi danno la sicurezza della sufficienza in pagella. Attacco 5: forse è un po’ poco, lo so, ma al momento non mi da nessuna fiducia. A Schick si chiede un anno da protagonista, ma bisogna vedere se è già pronto; con Berardi sono rimasti scottati in tanti, tutti nella speranza che quello sia l’anno buono; su Niang boh che dire, non lo saprei proprio, altro cavallo pazzo che nessuno è riuscito a domare. Perica e Trotta chiudono il cerchio. Pochino.

 

JOGURTAN F.C.

Formazione tipo: Berisha; De Vrij, Romagnoli, Fazio; Perotti, Joao Mario, Douglas Costa, Calhanoglu; Immobile, Falcinelli, Pazzini     

Affezionato della zona medaglie nella prima decade del 2000, Diego non vede un trofeo da quattro anni, quando riuscì ad agganciare il terzo gradino del podio. Motivato dalla fervente lotta contro la casta e il potere forte, sembra scorrere nuova linfa vitale nelle vene che lo dovrebbero portare a quei fasti di qualche anno fa. Per fare ciò ha deciso di puntare forte sullo scugnizzo di Napoli, un vero cecchino dell’area di rigore: Immobile. Basterà? Difesa 6,5: De Vrij e Fazio sono ormai navigati del campionato italiano e rappresentano una sicurezza del settore; Romagnoli potrà giovare della cura-Bonucci per ritornare quel bel difensore che appariva due anni fa; Lirola e Barreca, se hanno la fiducia dei rispettivi mister, possono portare bonus in fatto di assist. Centrocampo 7,5: probabilmente generoso, ma solo perché mi piace molto. Perotti credo che possa aumentare di molto i suoi bonus da titolare fisso; Joao Mario sta trovando la forma e la fiducia dell’Europeo, Calhanoglu è un po’ un punto di domanda ma la scommessa ci sta; Douglas Costa potrebbe essere il vero crack se, come credo, giocherà con costanza. Brozovic e Bessa tra gli altri. Un complotto delle case farmaceutiche gli toglie Bernardeschi all’ultimo rialzo. Attacco 7: Immobile è una sicurezza, nell’anno che lo porta al Mondiale vorrà comunque spaccare, ma appare un po’ solo là davanti. A Falcinelli e Pazzini viene richiesto di ricalcare la stagione passata e non è poco obiettivamente, anche perché per il secondo si parla comunque di una categoria inferiore. Lasagna e Orsolini le scommesse. Fiducia gliela do, magari a torto.

 

REAL DUMARON

Formazione tipo: Reina; Rugani, Pezzella, Dalbert; Verdi, Anderson, Saponara, Bonaventura; Higuain, Simeone, Inglese

Ed infine, ultimi solo per una questione alfabetica, una delle squadre più piazzate degli ultimi campionati, che però non è ancora riuscita a centrare il bersaglio grosso. Può essere l’anno buono? Ovviamente loro ci sperano, e vedendo la rosa che hanno messo insieme, ne hanno ben d’onde. Viste le loro reazioni post-mercato, sembrano anch’essi soddisfatti di aver centrato buona parte degli obiettivi prefissati. Difesa 6,5: voto probabilmente un po’ generoso, ma i due nuovi laterali dell’Inter dovrebbero far ben sperare per assist e buoni voti, Rugani finalmente ha la sua chance da titolare, mentre Musacchio ha ben impressionato in Spagna. Radu e Pezzella chiudono il reparto. Centrocampo 7,5: ammetto che mi piace, ma deve girare tutto bene. Verdi, Bonaventura, Saponara, non nomi di primo livello ma gente che la porta la vede; il duo Lazio Anderson-Luis Alberto, finalmente posizionati a ridosso della porta avversaria; Strootman titolare fisso, dalla sufficienza assicurata. Io un penny ce lo metterei. Attacco 7,5: si dice che Higuain porti al podio. E se portasse alla vittoria invece? Credo che dell’attacco Juve sia l’unico a cui non venga concesso troppo tournover, sfondare la soglia dei 22-25 gol non dovrebbe essere per lui un problema. Simeone all’anno della svolta, in una squadra dove potrà sfruttare le percussioni dei trequartisti. Poi Inglese: non un bomber di razza, ma un giovane in ascesa, già capace di arrivare in doppia cifra, con la speranza di poter toccare quota 15 reti.

 

……e quindi… vincerà……

1*        REAL DUMARON

2*        CIAO, GRAZIE!

3*        JOGURTAN F.C.

4*        GRINTA F.C.

5*        BOB 2.0

6*        CANTA NAPOLI

7*        ASTON SAX

8*        ATLETIC BULGNAIS

9*        HELLAS FANU.S.A.

10*      FURIOUS M&M F.C.

Happycumpa!!